Addio Valascia

Che cosa significa la Valascia per me?

È una parte integrale della mia identità. Non esagero se dico che il primo incontro con lei ha influenzato il corso della mia vita. Infatti, il mio primo ricordo è dell’ormai lontano autunno 2004, quando durante le mie prime vacanze in Ticino abbiamo attraversato la Leventina. Dall’autostrada ho visto la facciata della Valascia dipinta in biancoblù con il simbolo dell’HCAP e la scritta FORZA AMBRÌ. Da quando ho poi definitivamente scoperto ed affermato la mia passione per l’Ambrì nell’inverno successivo, ho sempre fatto riferimento a questo momento come esperienza fondativa per la mia identità di tifosa.

Per molto tempo la Valascia per me è stata però solo un luogo di sogni e di desideri, di incontri rari e perciò più preziosi. In breve, la Valascia era un luogo di peregrinaggio una volta l’anno mentre le esperienze quotidiane da tifosa biancoblù le ho fatte a casa mia, nell’Ilfishalle di Langnau.

Mi ricordo ancora bene come nel 2007, nelle prime vacanze in Leventina, ho infine potuto ammirare la Valascia da vicino. Oltre alla facciata biancoblù che ha un posto particolare nel mio cuore mi ricordo ancora come ero fascinata dagli stemmi dei comuni leventinesi appesi all’interno dello stadio, stemmi che avevo studiato per il progetto di scuola che avevo fatto sulla Leventina nello stesso anno. La passione per la Leventina è un altro frutto di questo amore per l’Ambrì che posso vivere soltanto perché quel giorno nel 2004 la Valascia ha esercitato un fascino incancellabile.

Negli anni successivi non è passato nessun anno in cui non mi sono fermata davanti alla Valascia. Nel 2009 infine l’ho vissuta infine anche dall’interno, durante la mia prima presentazione della squadra. Poi negli anni 2010-2012 ho potuto vivere finalmente l’atmosfera in Curva Sud durante quattro partite. Cantare la Montanara in Curva Sud è stato molto emozionante, un sogno diventato realtà.

Nel corso degli anni tante cose sono cambiate. In molti sensi la mia vita si è trasformata. Anche se non sono più stata ad una partita di hockey dal 2015 in poi, non posso essere indifferente alla sorte di quella squadra leventinese per cui ho perso il cuore nel ormai lontano gennaio 2006 quando ho infine preso coscienza di quello che era già un amore a prima vista nel 2004. E la Leventina rappresenta tuttora un santuario, un posto quasi spirituale dove provo un forte senso di appartenenza.

Sono stata stravolta dalla notizia che la mia Valascia sarà demolita. Prima non ci volevo credere. Semplicemente non era possibile. Il mio cervello semplicemente ha rifiutato l’idea che il luogo dove tanti di noi hanno fatto esperienze fondamentali possa essere demolito, distrutto, cancellato, come se niente fosse. Ero sempre convinta che la Valascia possa essere conservata in una maniera o l’altra. E invece no. E l’idea del vuoto che questa demolizione tralascerà mi riempisce di un forte disagio. Si tratta di un vuoto sia fisico che mentale. Si tratta di molto di più di una semplice sparizione di un edificio dalla mappa di un villaggio. Si tratta di una sparizione di un luogo di memoria per me così come per tanti altri e nel caso mio anche di un costituente della mia identità in un certo senso. Certo, c’è il nuovo stadio, che per tanti di noi significa nuove memorie, ma non necessariamente per me, dato che non vivo più per l’hockey come lo facevo dieci anni fa.

Proprio per questo era fondamentale per me vedere la Valascia un’ultima volta e salutarla dignitosamente. Temevo già di non riuscirci più. E invece ce l’ho fatta verso la metà di maggio di quest’anno. È stato un percorso molto emozionante, un ritorno alle mie radici. Ma è stato anche doloroso dire addio, partire e sapere di non rivederla più.

Comunque, l’importante restano i momenti gioiosi e belli che ho vissuto lì e che non dimenticherò mai. Nella mia memoria la Valascia resterà per sempre il simbolo di quella squadra di due piccoli villaggi di montagna che riesce a competere con i grandi dell’hockey svizzero e il simbolo dell’origine di una passione che ha riempito una parte significativa della mia infanzia e adolescenza e di cui il fuoco non si è mai completamente spento.

11.-15.6.22

Kommentar verfassen

Trage deine Daten unten ein oder klicke ein Icon um dich einzuloggen:

WordPress.com-Logo

Du kommentierst mit Deinem WordPress.com-Konto. Abmelden /  Ändern )

Twitter-Bild

Du kommentierst mit Deinem Twitter-Konto. Abmelden /  Ändern )

Facebook-Foto

Du kommentierst mit Deinem Facebook-Konto. Abmelden /  Ändern )

Verbinde mit %s